Girls who want to web camwith guys for freesex chat

Dietro il castello di Atlante c’è un dirupo selvatico, una discarica, un letamaio dialettale […] L’energia trasgressiva e triviale del dialetto reagisce alle chiacchiere dell’Ipersonetto e del mondo, sbatte all’aria le carte del corrotto gioco storico […] così si fa strada l’appello imperioso e iracondo a "chiudere il becco" e a farla finita con l’abuso della scrittura (24) . 1599.25 - «Ma / cacone, piscione / (è questo il tuo vero nome / perché è tutto puntellato su cacca e piscio / il tuo vero sentire e pensare): / voltati da una parte, / nasconditi, se c’è, / dentro il cespuglio più fitto e imboscato, / dove non arriva il chiarore / né di speranze né di anime / né di torce che vanno a zonzo, e fa, fa ,fa […] Cose poetate anche troppo. Non potrà sembrare occasionale, a questo punto, che a suggellare il rifiuto della tradizione letteraria del passato, simboleggiata dall’ipertrofico Ipersonetto, intervenga la crepuscolare vergogna della poesia, per di più nella forma che ben conosciamo, quella dell’equazione dissacrante, tutta montaliana, tra poesia e fogna: Ma schegazhèr, pissazhèr (l’è ’sto qua ’l tó nome vero perché l’è tut infrontà sora caca e pissin al tó vero sentir e pensier): òltete par de là, scòndete, si ’l ghe n’è, in medio al bar pi fis e pi inboscà, andove che ’llustro no riva nè de speranzhe nè de aneme nè de torzhe che le va a torzhio: e fa, fa, fa […] Roba sproetada anca massa. Poche pagine dopo questo accesso di livore vernacolare contro l’atto stesso del poetare, parificato con disprezzo all’appartarsi in un cespuglio per defecare, si incontra la prima sezione di Questioni di etichetta o anche cavalleresche, e qui il cerchio, silenziosamente, si chiude: In me e nella mia categoria che ha perduto contatto persino con la fabbrica del latte e del formaggio che in ogni Arcadia gode prestigio[…] (così) in me è totalmente mancato il rapporto cervello-manoquello che ha fatto l’umanodentro la sua bottega di selvaggio o di artigiano- né v’è stato il supporto grazioso e medicante di un’Arcadia-Mafia a sostituirlo[…] Pace dunque al qualunque baco parassita che si credette fabbro di seta garantita e sta a ciondolare sulla rama mangiucchiando […] e insieme postulando mezze-pietà per le sue penumbrali colpe e il suo desindacalizzato totale assenteismo dalla realtà (produzione di massa e prodotto garantito, per altro, anch’essa con marchio di qualità). C’è poi un secondo aspetto: la poesia di Zanzotto, che da Vocativo mostra una sempre crescente autoriflessività, si fa sempre più discorso sulla poesia attraverso la lingua del corpo, nell’articolarsi di innumerevoli paradigmi scientifici applicati, convoca con frequenza impressionante un altro fenomeno fisiologico di espulsione, il vomito.E se si pensa ad un distico come «vivipara in effusa ovatura / cornucopiosa [come cacatura]» (Pasqua di maggio), nel quale il simbolo classico dell’abbondanza, la cornucopia, viene accoppiata alla "cacatura", non potrà non sorgere il dubbio che entrambe le deiezioni, ancorché tanto diverse, vengano ad assumere una valenza metapoetica, significando appunto la copiosissima musa di Zanzotto.La seconda parte del saggio su Zanzotto, Montale, le scorie, la (e)scatologia, Ercole e altri miti ’saturi’ (la prima ?® qui)."Zanzotto aveva individuato la ricorrente presenza, in Montale, di una figura araldica come il topo, duplicato poi dalla talpa e dalla larva (e dal dattero di mare di Botta e risposta II), animali tutti della tana, dello scavo underground. di coabitazione con un simile tema, la nascita dell’opera del ’78 risulta dunque almeno in parte sovradeterminata: Il Galateo in Bosco sar?E si ricordi che Zanzotto aveva individuato la ricorrente presenza, in Montale, di una figura araldica come il topo, duplicato poi dalla talpa e dalla larva (e dal dattero di mare di Botta e risposta II), animali tutti della tana, dello scavo underground.Dopo vent’anni e più di coabitazione con un simile tema, la nascita dell’opera del ’78 risulta dunque almeno in parte sovradeterminata: Il Galateo in Bosco sarà l’anti-Montale, o meglio il Montale che si era capovolto rimesso arbitrariamente sui propri piedi.

D’altro canto il vomito, evidente sintomo isterico, non potrà non ricollegarsi a «quegli oscuri linguaggi totalmente somatici, assai vicini a quelli dell’isteria» che accompagnano, secondo Zanzotto, il soggetto colto dall’incubo di un «vuoto di lingua».Zanzotto, naturalmente, percepisce il senso di questa rivoluzione nell’atteggiamento di Montale, e lo rivela: Ciò, oltre che introdurre una dissacrazione della figura di lui e quindi dei temi prima raccolti in aloni mitici, propalandone, squinternandone un’"identità" prima nascosta, viene di fatto a ribadire una continuità con gli elementi depressivo-negativi delle precedenti opere; inoltre, quel che più conta, sembra stabilire una specie di affinità di natura tra il nuovo ambiente di "palta" o di "scolaticcio" e il poeta, come tale. Ma tale ammissione, tale dissacrazione, gli risulta intollerabile, poiché - come sappiamo - egli si colloca sul versante della ’fede’ nella poesia, e tanto più perché Montale è senza dubbio l’autore nodale del Novecento, il primo ad ’attraversare’ compiutamente D’Annunzio ma anche l’ultimo capace di misurarsi con lo stile sublime, in un libro come La Bufera e altro.E allora Zanzotto inverte il segno all’operazione: Eppure, anche se i pensieri-scorie di Satura si allineano agli oggetti-scorie e ai "fatti triti" degli altri libri completandone e radicalizzandone la figura, ancora una volta si fa strada come in quei libri una forma di grazia e si attestano frequentissimi i punti di emergenza in cui i materiali degradati si caricano di un prestigio che non coincide con la loro natura.Occorre una precisazione: dalle IX Ecloghe in poi il linguaggio, come si sa, subisce una inusitata espansione, e al cedimento delle strutture tradizionali della sintassi e della versificazione corrisponde un magmatico sovrapporsi di lingue specialistiche e voci contrastanti.Persiste un trattamento prezioso della parola, ma il vocabolario si dilata enormemente.

Search for Girls who want to web camwith guys for freesex chat:

Girls who want to web camwith guys for freesex chat-5Girls who want to web camwith guys for freesex chat-63

La metafora, tipica delle Ecloghe e de La Beltà, dell’apprendimento come assunzione di cibo resta operante, ma è rapportata all’esito estremo dei prodotti della digestione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

One thought on “Girls who want to web camwith guys for freesex chat”